Indietro

Roma Capitale: Centrale unica dei lavori pubblici

Gestione centralizzata dei lavori pubblici, convenzioni edilizie (permessi di costruire) stipulate solo se le imprese realizzano infrastrutture e servizi per i quartieri: queste le novità con cui Roma Capitale fa trasparenza e chiarezza sul terreno degli appalti, delle forniture e dell’edilizia privata e pubblica. Due i provvedimenti freschi di approvazione. La Giunta ha deliberato l’istituzione della “centrale unica dei lavori pubblici”, su proposta dell’assessore alla Legalità Alfonso Sabella e sul modello della già operante Centrale Unica Acquisti. Si costituirà presso il Dipartimento Infrastrutture e Manutenzione Urbana , “dotato – spiega una nota del Campidoglio – del necessario know-how per la conclusione di accordi quadro di durata pluriennale”. La Centrale Unica punta a “coniugare le esigenze di trasparenza, di efficienza e di razionalizzazione della spesa, senza intaccare i poteri dei Municipi e dei Dipartimenti in termini di scelta degli obiettivi da perseguire e delle risorse da impegnare”. E’ stata concepita avendo a modello, tra l’altro, l’esperienza di New York che ha centralizzato le procedure di gara con la consulenza del gruppo Bloomberg Associates (più volte incontrato nella fase di stesura della delibera). In prima battuta la nuova Centrale Unica gestirà la manutenzione ordinaria delle strade cittadine e degli edifici di proprietà comunale (case popolari escluse). Poi, visti anche i risultati della fase sperimentale, l’ambito operativo sarà esteso ad altri settori. Questi in particolare i compiti del Dipartimento Infrastrutture e Manutenzione, costituito in centrale unica lavori pubblici: censire i fabbisogni dei Municipi, predisporre gli atti preliminari alle gare, inoltrarli all’ufficio centrale del Campidoglio (Segretariato Generale, Direzione Appalti e Contratti) che segue le gare, verificare i requisiti di partecipazione, emanare i provvedimenti di aggiudicazione e stipulare accordi e contratti; last but not least, supervisionare – anche con controlli a campione – appalti e affidamenti in tutti gli uffici capitolini. E’ lo stesso metodo – sottolinea sempre il Campidoglio – impiegato per le gare sulla manutenzione del verde; che però, riguardando “l’acquisizione di un servizio”, fanno capo alla Centrale Unica degli Acquisti. In realtà, spiega il Campidoglio, si tratta di un’anticipazione della Centrale Unica di Committenza prevista nel regolamento dei contratti di Roma Capitale, la cui bozza sarà portata all’attenzione della Giunta Capitolina la prossima settimana”. L’iter previsto: passaggio in Giunta; pubblicazione qui sul nostro portale; dibattito partecipato (coinvolgimento di uffici, parti sociali, imprese, cittadini); analisi delle proposte emerse e integrazione delle medesime nel testo; invio all’Assemblea Capitolina per l’ok definitivo. Il regolamento dei contratti manca a Roma da oltre vent’anni. Intanto la Centrale Unica dei Lavori Pubblici parte immediatamente e la delibera viene applicata da subito, “fatte salve le procedure in corso, per le quali siano già stati pubblicati i relativi bandi”. L’altra novità arriva invece dall’Assemblea Capitolina ed è l’avvenuta approvazione, a larga maggioranza, del nuovo “schema di convenzione urbanistica”. leggi



Nessun commento. Vuoi essere il primo.