Indietro

Roma Capitale: scade l’ordinanza anti-alcol, torna la movida sfrenata

Scaduta l’ordinanza anti-alcol a Roma e nel centro torna il caos. Spariscono i limiti d’orario per la vendita di alcolici e per il consumo di bibite su area pubblica e immediatamente la movida si riaccende nel cuore della Capitale. Il provvedimento era stato approvato dalla giunta capitolina a giugno, ma non è mai stato rinnovato per motivi tecnici: l’ordinanza era a carattere emergenziale e di conseguenza la proroga avrebbe potuto essere impugnata davanti al Tar. Tornata legale dunque la vendita delle bibite da asporto fino a mezzanotte anziché alle 22, mentre nei locali si è potuto somministrare alcol fino alle 3 di notte, anziché alle 2. Da Trastevere a San Lorenzo, da Campo dei Fiori a Ponte Milvio, dopo la scadenza dell’ordinanza in tutte le zone della movida romana i giovani tornano a farla da padroni, con i residenti già sul piede di guerra. “Siamo diventati terra di nessuno”, commenta Viviana Di Capua, presidente dell’Associazione Abitanti del Centro. “Stanno aprendo una quantità esorbitante di “negozi di vicinato”, spesso gestiti dai bengalesi, che in realtà smerciano solo alcolici e rimangono aperti fino alle 5 del mattino” aveva denunciato Di Capua, come riporta Il Messaggero. “Si è creato un vuoto normativo. Pretendiamo la linea dura, così come è stato fatto per i tavolini selvaggi”.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.