Roma Capitale: sfratto disabile, al lavoro per tutti i casi di fragilità sociale

Roma Capitale è al lavoro per garantire la permanenza della bambina disabile nell’alloggio assegnato dal Comune di Roma alla sua famiglia nel 2006. Si tratta di uno dei numerosi casi di rilascio forzoso di alloggi, provvedimenti emessi dagli uffici del Campidoglio a seguito di una condanna del dirigente comunale che all'epoca effettuò le assegnazioni, ritenute irregolari dalla magistratura. Nel corso di un incontro con il padre della bambina, l’assessore al Bilancio Andrea Mazzillo ha ribadito – si legge nel post su Facebook - che “la nostra amministrazione ha avanzato una richiesta di parere all'avvocatura capitolina in merito alla possibilità di riconsiderare i provvedimenti di rilascio forzoso che riguardano diversi alloggi, tra i quali il suo, sulla base delle previsioni normative della legge 241/90”. segue



Nessun commento. Vuoi essere il primo.