Indietro

Senato – D.l. n. 244/2016 – Milleproroghe: valutazione emendamenti e nuove proposte

In Commissione affari costituzionali del Senato è stata completata la dichiarazione di ammissibilità degli emendamenti presentati al decreto-legge di proroga di termini, (elenco aggiornato emendamenti improponibili), il cui esame in Aula slitta al 7 febbraio. Nel frattempo è scaduto il termine per la presentazione di eventuali subemendamenti agli emendamenti a firma del relatore x1.1000, 1.1000, 7.1000 e 13.1000 e del Governo 1.2000, 3.2000, 3.2001, 10.2000, 13.2000, 13.2001, 13.2002 e 13.0.2000. Presentato anche l’emendamento x1.1 (proposta riferita al disegno di legge di conversione) che proroga da 6 a 12 mesi il termine entro cui il Governo dovrà esercitare la delega per la riforma del sistema dei confidi (le n. 150/2016). (vedi emend. allegati alla seduta) Il Presidente si è riservato di valutarne la proponibilità di detti emendamenti. (S2630) Con l'emendamento 13.99 si intende consentire agli enti territoriali un termine più ampio per l'adozione di atti volti a escludere le sanzioni sulle entrate non riscosse. In secondo luogo, si estende tale disposizione a tutte le entrate non riscosse, non solo quelle tributarie. Tocci (PD) ha illustrato l'emendamento 11.28, con il quale si proroga al 30 giugno il termine per la modifica del decreto ministeriale che prevede la riorganizzazione della Soprintendenza speciale per il Colosseo e l'area archeologica centrale. Sullo schema di decreto, inoltre, ritiene necessario che si esprimano le Commissioni parlamentari competenti, trattandosi di questione estremamente rilevante. A suo avviso, sarebbe opportuna la predisposizione, da parte del Ministero dei beni e delle attività culturali, di una relazione scritta in merito all’attività svolta dalle Soprintendenze speciali, al fine di evidenziare i risultati e le criticità emerse a seguito delle riorganizzazioni più volte effettuate negli scorsi anni, ritenendo, in proposito, che le reiterate modifiche a livello organizzativo abbiano ostacolato il funzionamento delle strutture, determinando peraltro una impropria proliferazione dei ruoli dirigenziali, in contrasto con le finalità della spending review. Egli ha manifestato forti riserve, in ogni caso, sulla disposizione, inserita nella legge di stabilità per il 2017, al comma 432 dell'articolo 1, che ha consentito lo scorporo dell'area archeologica centrale della città di Roma, con il solo scopo di rendere più efficienti le modalità di emissione dei biglietti per gli istituti e per i luoghi della cultura di rilevante interesse nazionale.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.