Indietro

Senato – Ddl 1934 Buona scuola: repliche e pareri

E’ contrario il parere che la Commissione affari costituzionali del Senato ha pronunciato sul ddl riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione. Non è stato accolto (10 voti favorevoli e 10 contrari) il parere con osservazioni sul testo proposto dal relatore Palermo (Aut -PSI-MAIE). Con le repliche dei relatori, in Commissione istruzione del Senato si è concluso il dibattito sul disegno di legge. Il Presidente ha rilevato come la mancata approvazione del parere da parte della Commissione affari costituzionali non precluda il prosieguo dell'esame in sede referente. Tuttavia è stata infine appoggiata la richiesta di Giro (FI-PdL) di convocare un Ufficio di Presidenza per la programmazione dei lavori. Come spiegato dallo stesso senatore, alla luce sia delle dichiarazioni rese dal Presidente Renzi sia della mancata approvazione del parere proposto dal relatore nella Commissione affari costituzionali, risulta indilazionabile l'esigenza di chiarire le modalità e i tempi di prosieguo dell'esame del provvedimento. Successivamente la Commissione ha proseguito l’esame con l’illustrazione degli emendamenti e dei subemendamenti. La Commissione bilancio, nel frattempo, si è pronunciata sugli emendamenti e sul testo. Si tratta di un parere in parte non ostativo, con presupposti e osservazioni, e in parte condizionato, ai sensi dell'articolo 81 della Costituzione. Nel corso del dibattito, il vice ministro Morando ha messo a disposizione dei senatori una nota della Ragioneria generale dello Stato con la quale si forniscono elementi di riscontro alle osservazioni del relatore. E’ favorevole con condizioni il parere pronunciato dalla Commissione questioni regionali.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.