Indietro

Servizi pubblici e istanze sociali nella costituzione economica Europea

Data: 20 nov 2012

La disciplina dei pubblici servizi risente da tempo della silenziosa ma inarrestabile sovrapposizione della costituzione economica europea alla costituzione economica nazionale. Il consolidamento della funzione sociale dei pubblici servizi, seguito all'affermazione dello stato sociale e rivolto principalmente alla trasformazione diacronica dell'uguaglianza formale in uguaglianza sostanziale, è sempre più soggetto alla normativa di un ordinamento che, almeno inizialmente, privilegiava l'integrazione economica (negativa) trascurando quella sociale (positiva).
Nel volume si ricostruisce il complesso rapporto fra disciplina nazionale e disciplina europea del pubblico servizio, con particolare attenzione ai passaggi attraverso i quali l'Unione Europea, trainata dalla propria giurisprudenza fino alla creazione di una propria nozione di uguaglianza sostanziale, è andata anch'essa acquisendo una funzione sociale, che le consente di concorrere con gli stati nazionali alla delineazione di una disciplina europea del pubblico servizio che sappia coniugare esigenze economiche e fini sociali. Essa potrebbe essere esercitata anche nel contesto globale, favorendo la definitiva attuazione dei diritti sociali in virtù dell'emergere di istituzioni sovranazionali che sappiano affiancare gli stati nazionali in quella 'funzione sociale' che ne costituiva il presupposto. Ne risulta che libertà economiche e diritti sociali vanno sempre più riunendosi sotto un ordinamento sovranazionale in cui il mercato e la libera concorrenza possono trasformarsi in un mezzo per la realizzazione progressiva dei diritti sociali, pur in un contesto globale in cui, anche per la quasi assoluta carenza di poteri pubblici, la propagazione del mercato e le sue crisi sembrano piuttosto limitare la naturale forza espansiva dei diritti sociali.

Autore: Francesco Monceri

Editore: Collana Jura, Ets, Pisa, 2011

Immagini


Nessun commento. Vuoi essere il primo.