Indietro

Sicurezza ferroviaria: dal 16 giugno nuove regole sui binari

L’accordo di cooperazione tra ANSF ed ERA rende operativo il IV pacchetto ferroviario.

Si apre una nuova stagione per la sicurezza sui binari ferroviari con la firma dell’accordo di cooperazione tra l’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie (ANSF) e l’Agenzia dell’Unione Europea per le Ferrovie (ERA) che rende operativo il pilastro tecnico del  IV pacchetto ferroviario, in vigore dal 16 giugno.

L’accordo, siglato a Roma rappresenta l’ultimo adempimento necessario per la completa applicazione e attivazione del nuovo regime giuridico introdotto dal IV pacchetto ferroviario con le direttive Ue 797/2016 (interoperabilità) e 798/2016 (sicurezza) recepite in Italia con due decreti legislativi approvati in via definitiva dal Consiglio dei ministri lo scorso 8 maggio e in via di pubblicazione in Gazzetta Ufficiale. Le nuove norme sono in vigore dal 16 giugno in quanto l’Italia, insieme a Francia, Olanda, Germania, Bulgaria, Finlandia, Romania, Slovenia e Grecia, non si è avvalsa della possibilità di deroga contenuta nelle norme comunitarie che permette una dilazione dell’applicazione del nuovo regime fino al 16 giugno 2020. Cambiano, quindi, le modalità di richiesta ed emissione dei certificati di sicurezza, i documenti necessari alle aziende per svolgere qualsiasi attività sui binari, e le procedure per la messa sul mercato dei veicoli ferroviari.
Approfondisci la lettura sul sito del MIT
 




Nessun commento. Vuoi essere il primo.