Indietro

Smart City

Data: 15 ott 2012

Per dare una definizione di Smart City occorre considerare come le performance di una città non dipendano solo dalle dotazioni disponibili di infrastrutture materiali ("capitale fisico") e di risorse ambientali ("capitale ambientale"), ma anche e sempre più, dalla disponibilità e dalla qualità della condivisione delle conoscenze ("capitale umano") e dalle reti di associazionismo civico e di partecipazione democratica ("capitale sociale").

Le riflessioni e le realizzazioni relative allo sviluppo di  Smart City nascono nel campo dell'Information and Communication Technology (ICT) e fanno riferimento a modelli di città digitali realizzate attraverso la banda larga in modo che sia possibile un ampia diffusione circolazione dell'informazione (open data) e la fruizione on line di servizi, in particolare dei servizi pubblici (e-government). I campi in cui l'ICT può contribuire all'incremento della efficienza ed efficacia delle politiche urbane sono molteplici: gestione dei trasporti, gestione del ciclo dei rifiuti, distribuzione dell'acqua e dell'energia, promozione della immagine turistica, ecc. Tuttavia è bene distinguere tra Digital City e Smart City, sottolineando come elemento differenziante la messa in valore delle ricordate dimensioni del capiate umano e del capitale sociale. Diventa centrale sotto questo profilo il riferimento alle smart community vale dire la presenza in Rete di spazi dentro il quali la community possono scambiare opinioni, rappresentare problemi e bisogni e trovare soluzioni in modo collaborativo realizzando nuove forme di "governance territoriale".




Nessun commento. Vuoi essere il primo.