Indietro

Storytelling

Data: 30 gen 2015

Il termine "storytelling", inteso come pratica narrativa, ha una tradizione antica quanto la storia dell'uomo dal momento che, come sappiamo, le storie o le narrazioni sono sempre state presenti e in ogni cultura come mezzo di intrattenimento, di istruzione, di trasmissione delle memoria culturale e di valori morali. Il termine (utilizzato in Italia senza traduzione) è entrato da tempo anche negli studi sulle forme di comunicazione, sui linguaggi, sulle culture delle organizzazioni e, conseguentemente, sulle forme di costruzione di identità individuali e collettive.
Secondo K. E. Weick lo storytelling nelle organizzazioni rappresenta un mezzo che i diversi attori sociali hanno a loro disposizione per costruire retrospettivamente la propria verità, utile a supportare la spiegazione e la convalida delle ragioni delle proprie decisioni e dei propri comportamenti. In tal modo lo storytelling si collega ai processi di sensemaking intesi come insiemi di pratiche senza finechevedono impegnati i vari attori sociali nel dare un senso agli accadimenti organizzativi 1
In tempi più recenti il termine storytelling, da categoria analitica utile per comprendere le dinamiche organizzative, è diventata una "categoria ombrello" che identifica altresì le tecniche di costruzione di storie finalizzate ad ottenere audience, approvazione e consenso: dunque uno strumento di marketing, di affermazione della leadership, di gestione del cambiamento di una cultura (si parla in questo caso di costruzione di nuovi miti) e in particolare di propaganda politica.
Inteso come tecnica di costruzione del consenso, lo storytelling ha cercato di trarre beneficio da studi di linguistica, retorica, grammatica testuale, narratologia ecc. In quanto tecnica fondata sull'arte della narrazione, lo storytelling si presenta come strumento che prescinde dalle finalità con le quali viene utilizzato; è tuttavia cresciuta l'attenzione per il suo impiego falsante e manipolatorio, specie in campo economico e politico 2.

1 Weick, K. E. (1997), Senso e significato nell’organizazione. Milano, Raffaello Cortina Editore

2 Si veda ad es. Christian Salmon (2008), Storytelling, la fabbrica delle storie, Roma, Fazi Editore.




Nessun commento. Vuoi essere il primo.