Indietro

TAR: Gare e requisiti di partecipazione in capo ai consorzi stabili

Data: 14 mar 2017

TAR Toscana - sez. I - sentenza n. 326 del 6.3.2017: A seguito della novella introdotta dall'art. 12, comma 8, del d.l. 28 marzo 2014, n. 47 sull’art. 37, d.lgs. 12 aprile 2006, n. 163, negli appalti di servizi sussiste l'obbligo per le imprese raggruppate di indicare le parti del servizio facenti capo a ciascuna di esse, ma senza che possa essere preteso anche l'obbligo della corrispondenza fra quote di partecipazione e quote di esecuzione, restando fermo che ciascuna impresa va qualificata per la parte di prestazioni che s'impegna ad eseguire, nel rispetto delle speciali prescrizioni e modalità contenute nella normativa di gara. Nel caso in cui l’impresa concorrente abbia natura di consorzio stabile questa si pone direttamente in veste di parte contrattuale, con relativa assunzione in proprio di tutti gli obblighi e le responsabilità; ne consegue che i requisiti di partecipazione devono essere posseduti e verificati solo in capo al consorzio stabile che partecipa alla gara e non anche in capo all’impresa consorziata indicata come esecutrice, tanto più che, ricadendo la prestazione contrattuale direttamente sul consorzio, esso potrà anche provvedervi direttamente, senza essere vincolato alla originaria designazione. In sede di gara pubblica non sussiste obbligo di allegare all’offerta il documento di identità del dichiarante.



Nessun commento. Vuoi essere il primo.