Indietro

Testo riforma Costituzione

Data: 22 nov 2005

E’ stato pubblicato il testo della legge costituzionale recante modifiche alla Parte II della Costituzione, approvato dalla Camera, in seconda votazione, con la maggioranza assoluta dei suoi componenti, nella seduta del 20 ottobre 2005, e dal Senato, in seconda votazione, con la maggioranza assoluta dei suoi componenti, nella seduta del 16 novembre 2005. Entro tre mesi dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale del testo, un quinto dei membri di una Camera, o cinquecentomila elettori, o cinque Consigli regionali possono domandare che si proceda al referendum popolare. Tra le numerose modifiche apportate alla Costituzione, si ricordano: - rafforzati i poteri del Presidente del Consiglio dei ministri che potrà nominare o revocare i Ministri e chiedere lo scioglimento della Camera; - l’età minimima per l’elezione del Presidente della Repubblica scende a 40 anni. Cambia anche l'età minima per essere eletti deputati alla Camera (non più 25 anni bensì 21); - il Capo dello Stato sarà eletto dall'Assemblea della Repubblica, un nuovo organismo presieduto dal presidente della Camera e composto da deputati, senatori, rappresentanti delle Regioni; - diminuisce il numero dei deputati (da 630 a 500, più 18 eletti nella circoscrizione riservata agli italiani all’estero). Nasce il Senato federale composto da 252 senatori, eletti contestualmente ai Consigli regionali; - affidati più poteri alle Regioni con potere esclusivo in alcune materie (sanità, scuola, polizia amministrativa regionale e locale); - modificata la procedura di approvazione delle leggi; - saranno 7 e non più 5 i giudici della consulta nominati dal Parlamento; - Roma dispone di forme e condizioni particolari di autonomia, anche normativa, nelle materie di competenza regionale, nei limiti e con le modalità stabiliti dallo Statuto della Regione Lazio. Alla competenza legislativa esclusiva dello Stato è demandata la disciplina dell'ordinamento della Capitale. Testo di legge costituzionale approvato in seconda votazione a maggioranza assoluta, ma inferiore ai due terzi dei membri di ciascuna Camera, recante: “Modifiche alla Parte II della Costituzione”, GU n. 269 del 18.11.2005



Nessun commento. Vuoi essere il primo.