Indietro

Valutazione degli elementi progettuali che non modificano l’oggetto dell’appalto ma ottimizzano il risultato finale dell’intervento

Data: 13 nov 2019

Tar Molise 14 ottobre 2019, n.340 – Pres. Silvestri, Est. Giancaspro

Per opera aggiuntiva si deve intendere un intervento che modifichi in senso quantitativo e/o qualitativo l’identità strutturale e/o funzionale dell’opera oggetto dell’appalto, con il risultato di falsare il confronto concorrenziale, laddove invece, gli accorgimenti progettuali volti alla valorizzazione ed alla implementazione dell’opera in senso estetico e/o prestazionale, che non ne modifichino sostanzialmente identità e dimensioni, devono essere sussunti nel genus delle migliorie e/o della varianti, e come tali sono compatibili con il divieto di cui all’art. 95, comma 14 bis, d.lgs. n. 50 del 2016, purché contenuti nei limiti stabiliti dalla lex specialis . Continua la lettura sul sito Giustizia Amministrativa




Nessun commento. Vuoi essere il primo.