Indietro

Vertice Malta: i risultati

Il vertice informale di Malta, ospitato dal primo ministro maltese Joseph Muscat e presieduto dal presidente del Consiglio europeo Donald Tusk, è stato suddiviso in due parti. I leader dell'UE hanno concordato misure volte a contenere il flusso dei migranti irregolari dalla Libia verso l'Italia. Nel pomeriggio hanno discusso i preparativi per l'imminente 60º anniversario dei trattati di Roma, che si celebrerà il 25 Marzo 2017. Osservazioni del presidente Donald Tusk al vertice informale di Malta Dichiarazione di Malta dei membri del Consiglio europeo sugli aspetti esterni della migrazione: affrontare la rotta del Mediterraneo centrale - Nella dichiarazione hanno rilevato che sulla rotta del Mediterraneo centrale nel 2016 sono arrivati più di 181 000 migranti irregolari e che il numero di persone morte o disperse in mare ha raggiunto un nuovo record ogni anno a partire dal 2013. Con l'avvicinarsi della primavera, i leader hanno deciso di adottare ulteriori misure per ridurre in maniera significativa i flussi migratori, smantellare il modello di attività dei trafficanti e salvare vite umane. In particolare hanno deciso di intensificare la cooperazione con le autorità libiche. Le priorità comprendono: formazione, equipaggiamento e supporto per la guardia costiera nazionale libica e altre agenzie pertinenti; ulteriori sforzi intesi a smantellare il modello di attività dei trafficanti attraverso un'azione operativa rafforzata che coinvolga la Libia e i pertinenti partner internazionali; miglioramento della situazione socioeconomica delle comunità locali in Libia, in particolare nelle zone costiere e presso le frontiere terrestri libiche lungo le rotte migratorie; un impegno volto a garantire, in Libia, capacità e condizioni di accoglienza adeguate per i migranti, unitamente all'UNHCR e all'OIM; sostegno all'OIM per intensificare le attività di rimpatrio volontario; potenziamento delle campagne di informazione rivolte ai migranti. I leader hanno inoltre sottolineato la necessità di contribuire a ridurre la pressione sulle frontiere terrestri della Libia rafforzando la capacità di gestione delle frontiere del paese e lavorando con i paesi vicini. Nelle riunioni di marzo e giugno 2017 il Consiglio europeo dovrebbe esaminare, sulla base di una relazione della presidenza maltese, i progressi conseguiti relativamente all'approccio globale. Prevenzione e lotta alla migrazione illegale - Prima del vertice il presidente Donald Tusk ha incontrato Fayez al-Sarraj, primo ministro della Libia. I due leader hanno discusso delle possibili opzioni per migliorare la cooperazione tra l'UE e la Libia. Osservazioni del presidente Donald Tusk a seguito del suo incontro con il primo ministro libico Fayez al-Sarraj "Uniti si vince, divisi si perde": lettera del presidente Donald Tusk ai 27 leader dell'UE sul futuro dell'Unione Riflessione politica sul futuro dell'Unione europea



Nessun commento. Vuoi essere il primo.