Roma Capitale: pari opportunità, tavolo di confronto

In occasione della Festa della Donna, il sindaco Gianni Alemanno e la delegata alle Pari Opportunità Lavinia Mennuni hanno presentato un tavolo di confronto in materia di parità di accesso agli organi istituzionali delle società capitoline. Obiettivo dell’iniziativa, avviare un percorso “per arrivare allo statuto di Roma Capitale con principi che garantiscano una presenza femminile in tutti i settori istituzionali”. Alla conferenza hanno partecipato, tra gli altri, la consigliera regionale Isabella Rauti, la presidente e la responsabile per Roma e Lazio della Fondazione Marisa Bellisario, Lella Golfo e Donatella Visconti. Impegno del tavolo è quindi studiare, insieme alle donne e alle associazioni femminili, un sistema normativo che garantisca la parità d'accesso all'interno delle istituzioni capitoline. "Dobbiamo creare un forum Internet che promuova la partecipazione delle donne e parallelamente creare un tavolo di confronto”, ha dichiarato il sindaco Gianni Alemanno, e questo “permetterà di avere idee e proposte che aiuteranno ad evitare errori nella riforma dello statuto”. In particolare, ha aggiunto il Sindaco, occorrono “norme più precise sulla rappresentanza e quote definite per evitare discussioni e interpretazioni”. La garanzia delle cosiddette “quote rosa” nelle pubbliche amministrazioni è stata introdotta dal decreto sulle “disposizioni in materia di pari opportunità nell'accesso agli organi elettivi ed al lavoro nelle amministrazioni pubbliche”. Il decreto stabilisce l’obbligo per le amministrazioni di dare adeguata rappresentanza alle donne nelle giunte, introducendo tra l’altro la “doppia preferenza di genere” per le elezioni comunali (possibilità di esprimere due preferenze, e non solo una, quando si vota una donna oltre a un uomo). Tra le ragioni concrete a favore delle “quote rosa”, il fatto che la partecipazione delle donne al lavoro e alla carriera costituisce un presupposto e uno strumento essenziale per la crescita e la competitività del nostro sistema produttivo: una ricerca della casa editrice Mulino rivela infatti che se sei donne su dieci fossero occupate il nostro Pil crescerebbe del 7%. Durante la conferenza in Campidoglio, il delegato Lavinia Mennuni ha sottolineato: "Esiste l'esigenza di rivedere lo statuto per garantire parità d'accesso alle donne nelle strutture amministrative di Roma Capitale”. “Per far questo - ha spiegato - avvieremo un tavolo di confronto, un gruppo di lavoro, con le associazioni femminili che operano in città, per studiare un sistema normativo che consenta la parità d'accesso".



Nessun commento. Vuoi essere il primo.