Elezioni Politiche e Regionali 2018


Data: 15 feb 2018 Corso online per le surroghe dei presidenti di seggio   In ordine alle "istruzioni...

La motivazione dei provvedimenti tributari


Data: 13 feb 2018 La Corte di Cassazione, con l’ordinanza n. 17498 del 24 luglio 2017,...

Le province della post-modernità: la città territoriale


Data: 06 feb 2018 L’idea di autogoverno democratico che sta al fondamento della nozione...

NOTIZIE
Whistleblowing: attivo il sistema di segnalazione ad ANAC
Abbiamo già avuto occasione di trattare della nuova legge sul whistleblowing su questo portale. Ebbene, l’argomento rimane di attualità, sia per le conseguenze di natura organizzativa, oltre che ambientale, sia perché l’ANAC, con un recente comunicato apparso sul sito www.anticorruzione.it, ha ritenuto di dovere precisare i limiti di applicazione di questo istituto e annunciare l’avvio del sistema centralizzato di raccolta delle segnalazioni. In apertura l’Autorità precisa che il sistema che viene attivato è indirizzato al whistleblower, inteso come dipendente pubblico che intende segnalare illeciti di interesse generale e non di interesse individuale, di cui sia venuto a conoscenza in ragione del rapporto di lavoro, in base a quanto previsto dall’art. 54 bis del d.lgs. n. 165/2001 così come modificato dalla legge 30 novembre 2017, n. 179. Si ribadisce, inoltre, che, a tal fine, per “dipendente pubblico” si intende il dipendente delle amministrazioni pubbliche di cui all’articolo 1, comma 2, del d.lgs. n. 165/2001, ivi c...
La partecipazione dei cittadini al procedimento tributario: il contradditorio non obbligatorio per i tributi locali
La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21071 dell’11 settembre 2017, riprendendo le osservazioni della pronuncia delle Sezioni Unite n. 24823 del 9 dicembre 2015, ha ribadito che per i tributi locali non sussiste l’obbligo di attivare il cosiddetto “contradditorio preventivo o endoprocedimentale”, prima dell’emanazione di un avviso di accertamento. Ad ingenerare dubbi erano state due precedenti pronunce della stessa Suprema Corte, che avevano evidenziato la necessità di una “decisione partecipata” mediante la promozione del contraddittorio tra amministrazione e contribuente (anche) nella “fase precontenziosa” o “endo-procedimentale”. La recente sentenza della Suprema Corte ribadisce il limite dell’obbligo del contradditorio ai soli tributi “armonizzati”, cioè per quelli che, inerendo alle competenze dell’Unione Europea, sono investiti dalla diretta applicazione del relativo diritto. La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 21071 dell’11 settembre 2017, ha ribadito che per i tributi “non armonizzati”, non è rinv...
Nuove disposizioni sul “whistleblowing”
Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale e trascorsi ormai 15 giorni dalla data di pubblicazione (avvenuta il 14 dicembre), nel nostro Paese è in vigore la cosiddetta legge sul “whistleblowing”. In verità si tratta di un provvedimento normativo che si compone di soli tre articoli: il primo sostituisce integralmente l’articolo 54-bis del decreto legislativo 165/2001, a sua volta introdotto dalla legge 190/2012; il secondo riguarda i lavoratori del settore privato e integra l’articolo 6 del decreto legislativo 8 giugno 2001, n. 231; il terzo interviene per riconoscere la segnalazione come giusta causa di rivelazione del segreto di ufficio. Il primo articolo è certamente quello che esprime la maggiore portata innovativa, soprattutto per le pubbliche amministrazioni. L’articolo esordisce individuando quattro distinti casi di “segnalazione”: a) la segnalazione al responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza di cui all'articolo 1, comma 7, della legge 6 novembre 2012, n. 190; b) la segnalazione all'Aut...