Definizione agevolata delle liti: le regole applicabili ai Comuni


Data: 13 mar 2019 Sono escluse le controversie sugli atti impositivi relativi al canone di...

La riforma dei procedimenti di valutazione d’impatto ambientale tra d.lgs. ...


Data: 16 gen 2019 Intervento di Marcello Cecchetti sulla rivista Federalismi.it Con...

Anticorruzione e sistemi di controllo amministrativo: una sinergia utile e ...


Data: 12 dic 2018 Il nostro sistema amministrativo attuale risulta complesso e “fuori...

NOTIZIE
L’aggiornamento 2018 al PNA
L’ANAC ha pubblicato l’aggiornamento 2018 al Piano nazionale anticorruzione. Il documento, più assimilabile alle linee guida, in quanto non prevede alcuna “pianificazione”, né la scansione di tempi, prende in esame quei temi che, a seguito delle rilevazioni effettuate dall’Autorità sono da considerare prioritari. Il primo tra questi, rispettando l’ordine del Piano riguarda il Ruolo e poteri del Responsabile della prevenzione della corruzione e della trasparenza. Al riguardo, si legge nel PNA, l’Autorità ha recentemente adottato la delibera n. 840 del 2 ottobre 2018, in cui sono state date indicazioni interpretative ed operative con particolare riferimento ai poteri di verifica, controllo e istruttori del RPCT nel caso rilevi o siano segnalati casi di presunta corruzione. I poteri di vigilanza e controllo del RPCT sono stati delineati come funzionali al ruolo principale che il legislatore assegna al RPCT che è quello di proporre e di predisporre adeguati strumenti interni all’amministrazione per contrastare l’insorgenza d...
La rappresentanza in giudizio del dirigente solo se prevista dallo statuto
La Corte di Cassazione, sentenza n. 27579/2018, decidendo una controversia in materia di Tarsu, sancisce che nel nuovo sistema istituzionale e costituzionale degli enti locali, il Comune può legittimamente affidare la rappresentanza a stare in giudizio ai dirigenti (o alle figure apicali) nei rispettivi settori di competenza, quale espressione del potere gestionale loro proprio, solo in presenza di una previsione statutaria o regolamentare in tal senso. L'intervento del legislatore con la L. 88/2005. Le attribuzioni del responsabile del tributo, con l'istituzione della Imposta Unica Comunale. La rappresentanza in giudizio del dirigente nel processo tributario è subordinata ad un'espressa previsione contenuta nello statuto o nel regolamento del Comune (in questo secondo caso se lo statuto contiene un espresso rinvio). Almeno è quello che sostiene la Corte di Cassazione nella sentenza del 30 ottobre 2018, n. 27579. Secondo gli ermellini, nel nuovo sistema istituzionale e costituzionale degli enti locali, il Comune può l...
La funzione e la cogenza delle linee guida di ANAC
Da qualche tempo il nostro ordinamento giuridico (che vanta un passato glorioso) è stato oggetto, anch’esso, di interventi finalizzati alla omologazione con i sistemi anglosassoni. Uno di questi ha riguardato l’introduzione del “soft law”. Si tratta di un termine inglese che il dizionario Treccani definisce come “sistema di regole che si connota essenzialmente per il fatto di non essere caratterizzato dai tratti forse più tipici e ricorrenti della norma giuridica: l’essere parte di un ordinamento giuridico e l’essere dotata di una qualche forza vincolante o precettiva”, aggiungendo che “in ogni caso, le regole di s. l. non costituiscono l’esito di una formale procedura di produzione normativa attivata da un ordinamento giuridico e dunque è seriamente dubitabile che di esse possa predicarsi una qualche forma, sia pur sfumata e generica, di giuridicità, anche perché, in stretta relazione con l’estraneità a qualsiasi profilo di validazione normativa dei pur diversi sistemi di fonti del diritto, le regole in questione non im...